La top-10 dei giocatori con più punti segnati in una partita iniziata in panchina!

La top-10 dei giocatori con più punti segnati in una partita iniziata in panchina!

Ci sono giocatori che riescono a trascinare la squadra con la loro continuità sin dall’inizio di una partita ed altri che, invece, lo fanno portando una scossa di energia in uscita dalla panchina. Dell’ultima categoria, ci sono alcuni che hanno elevato questo concetto ad arte, rivoluzionando il ruolo del “panchinaro” ed altri che, invece, si sono ritrovati a svolgerlo momentaneamente.

I fili conduttori che collegheranno i 10 nomi presenti nella lista che vi abbiamo proposto saranno due: il primo come avrete capito è la “panchina”, il secondo, invece, è l’abilità dei giocatori in questione di segnare il maggior numero di punti possibili. Il risultato è la top-10 dei giocatori con più punti segnati in una partita iniziata in panchina. Buona lettura!

 

10. KEVIN MARTIN

Il giocatore da Western Carolina University non è mai stato un vero e proprio “sesto uomo”, visto che delle sue 714 partite giocate solo in 210 occasioni è partito dalla panchina. Il 3 gennaio 2009 – durante la sua miglior stagione statistica – Martin nella partita tra Sacramento Kings e Indiana Pacers, però, partì in panchina mettendo in piedi una prestazione da 45 punti in 37 minuti.

Immagine
Kevin Martin.

 

9. CLIFF ROBINSON

Nel corso della prima stagione della sua carriera, quando era in maglia New Jersey Nets, Robinson – omologodi quello che giocherà sempre con i Nets a inizio anni 2000 – è partito spesso dalla panchina, guadagnandosi, però, minuti con l’andare della stagione. Ecco perchè, il 9 marzo 1980, a pochi giorni dal suo 20esimo compleanno, venne “premiato” con una partita da 36 minuti contro i Detroit Pistons nei quali riuscì a segnare ben 45 punti, il massimo per un rookie in maglia Nets.

Immagine
Cliff Robinson.

 

8. RICKY PIERCE

Chi è stato un grande interprete del ruolo è proprio Pierce, vincitore del premio di Sesto Uomo dell’Anno nel 1987 e nel 1990 con la maglia dei Milwaukee Bucks. Proprio all’inizio della sua seconda stagione da miglior giocatore della panchina (1989-90), il 5 dicembre 1989, mise in piedi una partita da 45 punti in 36 punti contro i Sacramento Kings. Alla fine di quell’annata, Pierce fece registrare il record di punti per partita per un giocatore vincitore del premio di Sixth Man of the Year (23.0).

Immagine
Ricky Pierce.

 

7. LOU WILLIAMS

Chi è stato capace di avvicinarsi al sopracitato record di Pierce è Lou Williams: uno dei tre giocatori – insieme a Pierce e Johnson – a vincere il premio di Sesto Uomo dell’Anno con una media punti superiore a 20.0 (Williams ci è riuscito due volte con 22.6 e 20.0). Sweet Lou che è uno specialista ormai da anni, però, ha scritto il suo record di punti in una partita uscendo dalla panchina solo recentemente, l’11 febbraio 2019, quando contro i Timberwolves ha segnato 45 punti in 34 minuti di utilizzo.

Immagine
Lou Williams.

 

6. JR SMITH

JR è stato un titolare all’inizio della sua carriera, con gli Hornets, e alla fine, con i Cavs, in mezzo tanti anni da “sesto uomo” di lusso, culminati con la vittoria del premio nel 2013. Un ruolo intrapreso ai tempi di Denver Nuggets, con la maglia dei quali, Smith, il 13 aprile 2009, ha fatto registrare una partita da 45 punti in appena 29 minuti (prestazione di cui abbiamo parlato anche in -> questo articolo <-) contro i Sacramento Kings.

Immagine
JR Smith.

 

5. DARIUS MILES

Una carriera sempre sopra le righe quella della scelta numero 3 del Draft 2000, con problemi caratteriali e fisici che ne hanno limitato il talento e fatto finire la carriera nel 2009, a soli 28 anni. Dopo l’esperienza con i Clipper, Miles passò ai Blazers con i quali, il 19 aprile 2005 contro i Nuggets, fece registrare anche il suo career-high da 47 punti (e 12 rimbalzi) in 40 minuti, uscendo dalla panchina.

Immagine
Darius Miles.

 

4. LARRY BIRD

Chi in panchina non ci è mai stato è proprio Larry Bird, che delle sue 897 partite in carriera solo in 17 non ha iniziato nello starting-5. Il giocatore dei Celtics – Hall of Famer e 3 volte Campione NBA – però, sapeva come far male anche quando non era titolare: la dimostrazione arriva il 12 aprile 1985, quando Bird contro i Bucks mette a referto una prestazione da 47 punti (14 rimbalzi e 3 stoppate) in 38 minuti, uscendo dalla panchina.

Immagine
Larry Bird.

 

3. MIKE DUNLEAVY

Una carriera non indimenticabile quella di Dunleavy Sr., trascorsa tra Sixers, Bucks, Spurs e Rockets, tutte squadre con le quali non è riuscito mai ad incidere più di tanto. Per tutti, però, c’è un momento di gloria e per Dunleavy è il 6 dicembre 1980, quando segna 48 punti in 34 minuti, trascinando i Rockets alla vittoria contro i Nuggets.

Risultato immagini per mike dunleavy rockets
Mike Dunleavy Sr.

 

2. NICK ANDERSON

La sua carriera è tristemente nota per il fatto di aver sbagliato 4 liberi consecutivi nel finale di gara-1 delle Finals 1995 che, poi, costarono la vittoria ai suoi Orlando Magic. Non si possono riassumere, però, 13 stagioni di carriera in un episodio che oscura una buona carriera NBA: il momento più bello è il 23 aprile 1993, quando Anderson, partendo dalla panchina, fece registrare una partita da 50 punti in appena 33 minuti contro i New Jersey Nets.

Immagine
Nick Anderson.

 

1. JAMAL CRAWFORD

Al primo posto di questa speciale classifica non poteva che esserci un altro giocatore che ha scritto la sua storia cestistica iniziando le sue partite in panchina. Crawford è, infatti, insieme a Lou Williams, l’unico giocatore capace di vincere per 3 volte il premio di Sesto Uomo dell’Anno. Il suo record di punti in una partita iniziata dalla panchina è, però, recentissimo: il 9 aprile 2019, a 39 anni compiuti da poco e alla partita numero 1324 in carriera – l’ultima della stagione con i Suns – JC mette in piedi una partita da 51 punti in 38 minuti contro i Mavs.

Immagine
Jamal Crawford.

Alessandro Colonnello

21 anni. Studente di Economia al secondo anno con la passione per lettura, film e, soprattutto, basket. Finto giornalaio amante dei San Antonio Spurs e con un debole per Rajon Rondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *