12 Novembre 2010: la serata indimenticabile di Kevin Love da 31+31

12 Novembre 2010: la serata indimenticabile di Kevin Love da 31+31

12 Novembre 2010.

Spesso la storia si presenta alla tua porta così, senza avvisare, in una serata tranquilla ed anonima. È proprio il caso di Kevin Love, protagonista 9 anni fa di una delle più grandi prestazioni individuali di tutti i tempi.

Ci troviamo a Minneapolis, precisamente al Target Center, casa dei Minnesota Timberwolves. I lupi attendono, nella loro tana, i New York Knicks, in una di quelle partite di Regular Season che hanno ben poco da dire: se da un lato infatti i Knicks vivono una di quelle situazioni di stallo, in cui oltre ad un primo turno di playoff c’è ben poco all’orizzonte – usciranno infatti con i Boston Celtics in quattro partite – dall’altra ci sono loro, i TWolves, in piena rebuilding e, senza troppi giri di parole, la peggior squadra in quel momento di tutta l’Nba.

A rubare la scena nella fredda notte di Minneapolis ci pensa Kevin Love: quinta scelta al Draft del 2008, il lungo californiano è al momento l’unico appiglio di una squadra in chiaro sbandamento.

La sua serata è magica: 31 punti e 31 rimbalzi in poco più di 40 minuti di gioco. È il primo giocatore dai tempi di Charles Barkley (1996) a far registrare nuovamente 30 o più rimbalzi in un singolo match. Una prestazione da incorniciare, che permise a Love di entrare nel ristretto giro dei 30+30, una cerchia che comprende giocatori come Robert Parish, Kareem Abdul-Jabbar e Moses Malone.

Claudio Rosa

21 anni, studente all'Università Cattolica del Sacro Cuore, aspirante giornalista ma giornalaio per passione, tifoso Lakers nel tempo libero ed amante occasionale dello stretch four.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *