Luol Deng dice addio al basket giocato…da giocatore dei Bulls

Luol Deng dice addio al basket giocato…da giocatore dei Bulls

Luol Deng ha deciso di appendere le scarpette al chiodo. È infatti questa la decisone del cestista statunitense che, a 34 anni, non vede per la sua carriera una possibilità di rilancio nella Lega più importante del mondo.

C’è però un ultimo desiderio che Deng ha voluto esprimere prima di dire basta al basket giocato: il cestista ha infatti chiesto di ritirarsi da giocatore dei Chicago Bulls.

Draftato nel 2004 alla numero 7 dai Phoenix Suns, Deng fu subito scambiato con i Bulls in cambio di Jackson Vroman ed una futura scelta. Nella Windy City Loul ha trascorso gran parte della sua carriera, vestendo la canotta di Chicago ben per dieci stagioni, rivestendo un ruolo di primissimo livello in quei Bulls di Thibodoeu e Rose che tanto incantarono l’intera Nba. Perno fondamentale in campo, tra una rocciosa difesa ed un tiro costruito nel tempo, fu sostanziale il suo apporto anche all’interno dello spogliatoio, diventando in pochi anni un leader silenzioso di quella squadra.

Andato poi a cercare fortuna altrove, non è mai riuscito ad essere incisivo come nella sua precedente esperienza a Chiago. Tra infortuni e situazioni di squadra poco gratificanti, l’inglese ha vissuto un periodo di lento declino, terminato ora con il suo ritiro dal basket professionistico.

“Ci riteniamo fortunati e onorati all’idea che Luol abbia deciso di concludere la sua carriera come giocatore dei Bulls – inizia cosi a parlare Michael Reinsdorf, presidente dei Bulls – è stato un professionista e un modello da seguire negli oltre nove anni in cui ha giocato qui a Chicago. Voglio ringraziarlo non solo per i risultati che ci ha aiutato a raggiungere sul parquet, ma anche per la leadership mostrata nel presiedere e promuovere iniziative umanitarie rivolte alla comunità”.

Claudio Rosa

21 anni, studente all'Università Cattolica del Sacro Cuore, aspirante giornalista ma giornalaio per passione, tifoso Lakers nel tempo libero ed amante occasionale dello stretch four.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *