Play-Off Preview: Milwaukee Bucks

Play-Off Preview: Milwaukee Bucks

RECORD: 60-22

STELLA: Giannis Antetokounmpo è stato uno dei due giocatori più dominanti della Lega e con le sue prestazioni si è candidato come primo e unico avversario di Harden per la corsa all’MVP. In stagione regolare ha viaggiato a 27.7 punti, 12.5 rimbalzi e 5.9 assist (tutti massimi in carriera) a cui ha aggiunto anche 1.5 stoppate e 1.3 recuperi a partita. Un dominio totale su entrambi i lati del campo con il greco che è stato anche il secondo miglior giocatore della Lega per defensive rating, oltre che il numero uno per efficency rating. Pazzesche anche le percentuali al ferro di Giannis (oltre il 70%), che hanno permesso ai suoi compagni di beneficiarne e migliorarsi, come successo ad esempio a Middleton, che con una stagione quasi perfetta ha guadagnato anche un posto all’ASG, o a Lopez.

Giannis Antetokounmpo.

PUNTO FORTE: Sono la squadra più alta e fisica in NBA, un fattore sfruttato molto bene visto che i Bucks sono tra le franchigie che concedono meno tiri in area della Lega, tenendo tra l’altro gli avversari a medie bassissime (47.9%), anche perché nessuno gradisce andarsi a scontrare contro le braccia lunghissime di Milwaukee sotto canestro. In attacco giocano praticamente con quattro uomini fuori dall’arco lasciando spazio nel pitturato per il greco che o conclude (è il giocatore con più schiacciate non assistite) o scarica per un tripla il più delle volte wide-open, con la difesa inevitabilmente collassata sul numero #34. Da queste dinamiche di gioco nasce l’evoluzione di Brook Lopez che sta tirando con il 37% da 3 su 6 tentativi a gara, diventando il 7 piedi con più triple segnate in una singola stagione. In generale, in stagione Milwaukee è prima per punti segnati a partita con 118 e sono primi anche per defensive rating con soli 109 punti concessi su 100 possessi.

PUNTO DEBOLE: Trovarne uno è oggettivamente complesso, resta il fatto che i Bucks sono la squadra che ha subito più triple nella Lega e questo potrebbe essere un grosso problema durante i PO quando il livello salirà e quei tiri da dietro l’arco potrebbero diventare la chiave per vincere una partita, non tanto al primo turno quanto nelle prossime serie. Fattore da non sottovalutare è quello degli infortuni, visto che Milwaukee è leggermente acciaccata e partirà senza Malcolm Brogdon e Nikola Mirotic.

ALLENATORE: Ha fatto ciò che i suoi predecessori non erano riusciti a fare: Mike Budenholzer ha educato tatticamente la squadra, ha creato il suo sistema di gioco e plasmato un grande collettivo intorno a Giannis. Questo ha permesso a gente come Lopez, Middleton e Bledsoe di sfruttare al massimo le loro capacità, facendoli rendere come mai in carriera. Il risultato è stato il miglior record a Est e, probabilmente, il premio di Allenatore dell’anno.

Mike Budenholzer.

OBIETTIVO: Budenholzer non raggiunse le Finals con i suoi Hawks qualche anno fa solo per colpa di Lebron e dei suoi Cavs, ora James è ad Ovest e Mike ha nelle mani una grandissima squadra. A inizio anno le dichiarazioni del front-office su un possibile atto finale sembravano azzardate, ora non più.

AVVERSARIO: Detroit Pistons (clicca qui per la loro preview)

PRONOSTICO: MIL 4-0 DET

Per le preview di tutte le altre squadre clicca -> qui <-

Saverio Lanzillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *