Play-Off Preview: Boston Celtics

Play-Off Preview: Boston Celtics

RECORD: 49-33

STELLA: Ha dichiarato che i Celtics arriveranno a giocarsi le Finals, ha giocato una stagione da trascinatore (esclusi momenti di rottura con il core giovane) e nei momenti clou la palla era sempre nelle sue mani. Kyrie Irving, complice anche una stagione sottotono di Tatum e Brown e con Hayward ancora in fase di rodaggio dopo l’infortunio, ha disputato una stagione da top-player della Lega concludendo con 23.8 punti, 6.9 assist e 5 rimbalzi ad allacciata di scarpa mantenendo anche delle buonissime percentuali (48% FG, 40% 3P, 87% FT). Oltre Kyrie un ruolo fondamentale lo hanno avuto Morris e Horford grazie ai quali Boston è una delle difese più solide della NBA (ottavi per punti subiti con 108) e hanno dato un grande contributo anche in fase offensiva con le qualità di Horford come passatore (4,2 assist a partita) e Morris che dall’arco sbaglia poche volte (5 tentativi a partita con il 38%).

Kyrie Irving.

PUNTO FORTE: In attacco possono contare sulla fantasia di Irving, le penetrazioni di Brown e Tatum, i tiri dal mid range di Hayward e di Horford . Se lo scorso anno i Celtics hanno raggiunto le finals senza Irving e Hayward il merito è soprattutto di Rozier e degli altri role player presenti a roster; in questi PO in uscita dalla panchina oltre al solito Rozier ci sarà anche Brown senza dimenticare la coppia di lunghi Theis e Baynes che danno un contributo importante sotto canestro. Un altro punto di forza sono i record stagionali contro le dirette rivali a East: contro Indiana (3-1), contro Philadelphia (3-1), contro Toronto (2-2) e contro i Bucks (1-2) ma una sconfitta è srrivata senza Horford che negli scorsi playoff annullò del tutto Embiid e in gara 7 contro i Bucks tenne Giannis al 41% dal campo.

PUNTO DEBOLE: Stagione altalenante con tanti bassi e il rischio di non avere nemmeno il fattore campo al primo turno; la causa la possiamo trovare nelle crisi interne della squadra con voci insistenti che davano per scontato il non rinnovo di Irving e le dichiarazioni non proprio ortodosse dei leader della squadra dopo alcune prestazioni molto deludenti. Oltre a questo problema che sembra essere rientrato un altro fattore che potrebbe limitare il cammino playoff della squadra del Massachusetts è l’infortunio di Marcus Smart che non tornerà in campo prima di 4 settimane e questo potrebbe destabilizzare la tenuta difensiva dei Celtics, dato che Smart era una pedina fondamentale dello scacchiere difensivo sei Verdi. Anche la fase offensiva dei Celtics ha qualche problema perché, pur avendo a disposizione tantissime soluzioni per finalizzare, il ritmo dei Celtics è lento e statico; un dato significato è il 99,6 di Pace (possessi in 48 minuti) che li colloca solamente 16esimi nella lega.

ALLENATORE: Pochi giorni fa è stato pubblicato un sondaggio fatto a 127 giocatori ed è emerso che Brad Stevens è il secondo allenatore più votato per gradimento dei giocatori dietro al solo Popovich. Questo risultato certifica ancora una volta tutta la bontà tattica del giovane allenatore di Boston che quest’anno ha avuto un bel po’ di problemi dalla distribuzione dei minuti dei giocatori a quelli di alchimia tra i giocatori. Doveva dominare la regular season ma per lunghi tratti ha faticato, vedremo durante i play-off come riuscirà a gestire un roster che al di là del posizionamento in stagione è davvero difficile da affrontare.

Brad Stevens.

OBIETTIVO: Ad inizio stagione erano dati già in Finale di Conference ma Bucks, Raptors e 76ers sono molto più preparate dello scorso anno e non sarà facile batterli. In ogni caso hanno tutto ciò che serve per arrivare anche alle Finals, anche se al primo turno saranno sicuramente messi alla prova.

AVVERSARIO: Indiana Pacers

PRONOSTICO: BOS-IND 4-1

Tutte le preview delle altre squadre NBA le trovate -> qui <-

Saverio Lanzillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *