I’m Not 100% Sure Ghosts Aren’t Real.

I’m Not 100% Sure Ghosts Aren’t Real.

Inizio dicendo che ho visto Paranormal Activity.

No, questo non significa che io sia un esperto, ma quel film mi ha decisamente lasciato un segno. È stata la prima cosa che mi ha fatto davvero pensare… non so, fooooorse, i fantasmi esistono?

Non mi siederò qui per dire “Yo, i fantasmi sono veri!” Altrimenti tutti direbbero, Ehi, ecco c’è Timmy, il ragazzo dei fantasmi!

Ma allo stesso tempo non dirò apertamente che i fantasmi non sono esistono. Perché, onestamente, sembrerebbe che io stia cercando di sfidare gli spiriti o qualcosa del genere. Se tu fossi un fantasma, non andresti a perseguitare quelli che non credono in te? Questo è, fondamentalmente, quello che è successo alle persone in Paranormal Activity. E non voglio portarmi dietro quell’energia! No signore.

Maaaaaaaaaaaaaaaaa.

C’è questo hotel.

È questo posto chiamato Skirvin Hilton, un hotel nel centro di Oklahoma City.

Onestamente? Lo Skirvin è perseguitato.

Risultati immagini per skirvin hotel
Lo Skirvin Hotel di Oklahoma City.

Non sto scherzando. E se non mi credete, capisco il perché… perché all’inizio anch’io la pensavo così. ero completamente scettico.

Finché non ho avuto, beh, immagino che possiamo chiamarla… un’esperienza.

Ma vi dirò di più tra poco.

La prima volta che ho sentito parlare di questo hotel è stato nel 2014, quando ero un rookie con i Knicks. Ero con Metta, Kenyon Martin, JR Smith, Carmelo e altri ragazzi. Stavamo per partire per Oklahoma City e alcuni ragazzi stavano parlando di questo casino accaduto nell’hotel in cui ci saremmo fermati. Continuavano a parlare di storie su queste strane esperienze che avevano avuto lì. Non capii se fossero seri o no. Stavano parlando delle pareti che emettevano rumori, di persone che ridevano e piangevano o di deboli sussurri. Un ragazzo disse che gli oggetti si erano spostati in punti diversi nella sua stanza mentre lui era a cena.

Quasi tutti avevano qualcosa da dire, ma la persona con la storia più folle era di gran lunga Metta (ovviamente). Metta raccontò che un fantasma in realtà lo aveva toccato. Voglio dire, lo aveva toccato ovunque. Ed era assolutamente serio mentre raccontava la storia. E non lo stava dicendo neanche come se fosse spaventato.

E io ero seduto lì, tutto soddisfatto, mentre ascoltavo tutte queste storie pensando Ma non esiste, Questi ragazzi sono pazzi.

Risultati immagini per tim hardaway jr carmelo anthony
Carmelo Anthony e Tim Hardaway Jr. con la maglia dei Knicks.

Avevo sentito dire che lo Skirvin fosse perseguitato già qualche anno prima, ma non ci avevo mai pensato molto. Si dice avesse a che fare con una cameriera, ma non ho mai cercato la storia ufficiale fino a poco tempo (e per ufficiale intendo quello che c’è su Wikipedia).

È incasinato, vero? Ma ci dà un minimo di contesto per quello di cui sto parlando. C’è sicuramente qualcosa in quel posto.

Posso dire che camminando sulla cima dello Skirvin, c’è sicuramente una vibrazione raccapricciante. Sono stato in parecchi hotel per il mio lavoro, ed è lì che capisci che per quanto sia bello un hotel, non è mai casa. Ma anche tenendo conto di questo standard, lo Skirvin è diverso da qualsiasi altro hotel in cui io sia mai stato. Sembra come se ci fossero un sacco di corridoi e passaggi segreti per arrivare ovunque. Come una di quelle cose in cui sembra che gli occhi sui dipinti ti seguano come in Scooby-Doo. Ma c’è anche quell’atmosfera in cui entri e senti quella specie di brivido. Sì, probabilmente, qualche merda è successa qui.

Quando sono arrivato nella mia stanza, ho acceso immediatamente la TV e l’ho lasciata accesa. La mia teoria era che se la stanza fosse stata infestata, la TV si sarebbe spenta ad un certo punto della notte. (Non so cosa ci fosse dietro la mia logica, ma è quello che ho deciso di fare. Non mettete in discussione i miei metodi.)

Così mi sono sdraiato sul letto, probabilmente guardando HBO 2 o qualunque cosa abbiano negli hotel, finché mi sono addormentato lentamente. Mi sono svegliato la mattina dopo e… la TV era ancora accesa.

Non era successo niente. Andava tutto bene.

Ma quando sono sceso nella sala della colazione, tutti parlavano tra di loro. Tutti i ragazzi stavano parlando di aver sentito urla o altre cose del genere, chiedendo agli altri se anche loro avessero sentito qualcosa.

Io ero seduto lì a mangiare i miei Fruit Loops, sogghignando e pensando scherzosamente, “Sì, giusto! Esci da qui!

Nessuno di loro sapeva che avevo dormito con la TV accesa per tutta la notte, mi sembrava un dettaglio che non valeva la pena di condividere.

Quel giorno non siamo mai stati in partita. Perso per 12.

Siamo volati in un’altra città. Io ho lasciato perdere lo Skirvin, pensando che fossero tutte chicacchiere….

Poi sono tornato lì per la seconda volta.

Quando faccio il check-in in hotel, ho una routine: prendo la chiave, vado in camera, tiro fuori tutto ciò di cui ho bisogno, poi esco o per mangiare o per andare all’arena.

Quindi anche questa volta sono entrato nella mia stanza, ho tirato fuori tutte le mie cose e me ne sono andato. Sono tornato forse 30 minuti dopo. Mentre andavo verso il letto, ho dato un’occhiata al bagno, misono fermato di colpo. Il mio spazzolino si era spostato da un lato all’altro del lavandino.

Ero certo di averlo collocato su un lato del lavandino accanto a tutte le mie altre cose, e ora era dall’altra parte. Il mio primo pensiero è stato che fosse stata la governante, ma ci eravamo appena registrati e nessuno degli altri oggetti nella stanza si era spostato.

Quindi ho fatto finta che non fosse successo.

Era tutto ok.

Tutto andava bene.

Più tardi, quella notte, ero nella mia stanza a letto con la TV spenta (primo errore). Ma, proprio mentre iniziavo a rilassarmi e stavo quasi per dormire, ho sentito qualcosa fuori dalla mia stanza. Erano dei passi.

All’inizio, ho cercato di ignorarlo. Voglio dire, hey, è un hotel, ci sono altre persone, è normale. Poi, però, ho anche iniziato a sentire un forte stridore provenire dalle pareti, mischiato a queste piccole voci. Non riuscivo a distinguere nessuna parola, solo brevi sussurri.

Qui ho iniziato ad essere abbastanza spaventato.

Sono saltato fuori dal letto.

La prima cosa che ho fatto è stata chiudere le persiane. Ancora una volta, ve lo ripeto – non mettete in discussione i miei metodi.

A quel punto i passi cominciarono a sembrare quasi come se qualcuno avesse cominciato a correre.

Corsi al bagno e accesi tutte le luci per assicurarmi che non ci fosse nessuno.

Poi, quando i passi si fecero ancora più forti, giuro che ho sentito un brivido scendere lungo la schiena. Sembrava che qualcuno fosse proprio fuori dalla mia porta.

Ho preso un respiro profondo, poi ho messo la mano sulla maniglia. Ho spalancato la porta e ho visto… un corridoio completamente vuoto.

Non c’era nessuno lì fuori.

Non mi sto inventando nulla. Non avrei il motivo di farlo. Ho vissuto qualcosa quella notte e fino ad oggi non ho idea di cosa sia successo.

Ho sentito quei passi!

Risultati immagini per tim hardaway jr dallas mavericks
Tim Hardaway Jr. con la maglia dei Dallas Mavericks.

Il giorno successivo non ho giocato bene durante la partita, e abbiamo perso a 27. Ripensandoci, esclusa una volta, nessuna squadra in cui giocavo che abbia pernottato allo Skirvin ha poi vinto. Probabilmente è perché i ragazzi sono stanchi, lenti e poco concentrati, perché un po’ del loro spirito è rimasto confuso nella loro stanza.

Potreste ancora pensare che stia inventando qualcosa, ma dopo aver sentito abbastanza storie di altri ragazzi, sugli aerei della squadra e negli spogliatoi, che dicono di aver vissuto la stessa identica cosa che ho provato anch’io, è difficile non credere che qualcosa accada in quel hotel.

Ora la maggior parte delle squadre si ferma in un altro hotel a Oklahoma City e quando la dirigenza prenota allo Skirvin, molti giocatori si pagano autonomamente la stanza in un altro hotel. Se succedesse alla mia squadra, farei lo stesso.

Ma se l’idea di vivere qualche Paranormal Activity di vita reale ti interessa, beh, sei il benvenuto.

Alessandro Colonnello

21 anni. Studente di Economia al secondo anno con la passione per lettura, film e, soprattutto, basket. Finto giornalaio amante dei San Antonio Spurs e con un debole per Rajon Rondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *