All Star Game 2019, ecco come è andata

All Star Game 2019, ecco come è andata

Si è appena concluso l’All Star Game ed il nuovo format, ancora una volta, non ha deluso le attese. La partita è stata infatti divertente e vivace: dopo un primo tempo in cui le squadre hanno prestato l’occhio a show e fotografi, nel secondo il livello – agonistico – si è alzato notevolmente. È stato il team di LBJ a cambiare marcia all’incontro, recuperando un distacco di ben 20 punti e vincendo alla fine dei tempi regolamentari (178-164). MVP di serata Kevin Durant, autore di 31 punti e 8 rimbalzi.

Il match si apre con lui, Giannis Antetokounmpo, capitanno dell’altro team, che ruba subito la scena prima con Steph Curry – sua prima scelta nell’All Star Draft – e poi col sul compagno di squadra ai Bucks Khris Middleton, dando un considerevole distacco a Lebron e Co.

Sono però nel secondo tempo Klay Thompson, Damian Lillard e Bradley Beal a suonare la carica a suon di triple – saranno 15 in totale per loro a fine gara – ricucendo lo strappo. La partita si alza di intensità, vivendo un momento di forte equilibrio. È fondamentale James a rompere questa linea sottile, chiudendo di fatto i giochi dopo una schiacciata su un alley op di Kyrie Irving, consegnando il +10 ai suoi.

Il momento più “emozionante” della serata è avvenuto però prima, nel secondo quarto, quando Lebron ha schiacciato, servito in campo aperto dall’alzata di Dwyane Wade, l’ultima della loro carriera.

Claudio Rosa

21 anni, studente all'Università Cattolica del Sacro Cuore, aspirante giornalista ma giornalaio per passione, tifoso Lakers nel tempo libero ed amante occasionale dello stretch four.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *