History Dunkest: MJ e il dominio all’ASG dell’88

History Dunkest: MJ e il dominio all’ASG dell’88

Scegliere di cosa parlare in questa puntata della nostra rubrica History Dunkest non è stato per niente impegnativo, visto che il 17 febbraio non è solo la data dell’All Star Game 2019 a Charlotte ma, soprattutto, il giorno del compleanno di Michael “Air” Jordan. Proprio grazie a questa piacevole coincidenza, ci è bastato semplicemente unire l’incredibile talento di MJ all’altrettanto incredibile spettacolarità della partita delle stelle, che ogni delizia gli appassionati dell’NBA nel mese di febbraio. L’All Star Weekend è senza dubbio l’evento più importante della lega americana e la partita conclusiva della domenica sera rappresenta il momento più atteso del fine settimana delle “stelle”. Infatti ogni anno vengono selezionati, tramite il voto dei fan unito a quello di 100 giornalisti internazionali e dei giocatori NBA attivi, gli “All Star” in pari numero tra East e West Conference che prenderanno parte al match. Sicuramente è difficile emergere in un contesto nel quale tutti i giocatori sul parquet sono formidabili e nessuno è mediocre. Le dinamiche della partita sono molto diverse da quelle di un solito match NBA visto che le difese sono inesistenti e tutti hanno modo di segnare. Proprio per tale ragione, sono state poche le volte nel corso della storia in cui dei giocatori sono riusciti a distinguersi in maniera significativa e, ovviamente, Michael Jordan è uno di questi. Nel 1988 l’All Star Weekend si svolge in Illinois nel meraviglioso Chicago Stadium dell’omonima città e il beniamino di casa, dopo aver vinto il secondo Dunk Contest di fila il giorno prima, è prontissimo a dare il meglio nell’ultimo evento del fine settimana. La vittoria finale è della Eastern Conference sulla Western Conference per 138 a 133, grazie a un quarto quarto da ben 44 punti segnati. Assoluto protagonista della partita è proprio l’ex UNC, il quale mette a referto una partita da 40 punti(17/23 FG,0/0 3P,6/G FT), 8 rimbalzi( di cui 3 offensivi ), 3 assist, 4 rubate, 4 stoppate e 2 palle perse. Tutti quanti sappiamo che l’All Star Game non conta per il #Dunkest ma, proprio nel giorno della gara di Charlotte, è interessante sapere quale fantapunteggio avrebbe totalizzato MJ23. Nonostante non ci siano bonus per doppie o triple doppie, il totale è comunque da capogiro e ammonta a ben 59,5 pdk.

A cura di SOS Dunkest

Giò Bonfantino

Saverio Lanzillo

Saverio Lanzillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *