Boston espugna Philadelphia. Caduta clamorosa dei Lakers. Vincono Spurs e Warriors.

Boston espugna Philadelphia. Caduta clamorosa dei Lakers. Vincono Spurs e Warriors.

Cinque le partite nella notte NBA.

Partiamo da Atlanta dove i Los Angeles Lakers perdono 117-113 contro gli Hawks complicando ulteriormente la corsa play-off della squadra di coach Luke Walton, a cui non basta l’ennesima tripla doppia di LeBron James (28 punti, 11 rimbalzi e 16 assist), chiamato a fare gli straordinari con 43 minuti di utilizzo, per avere ragione di una delle peggiori squadre della Eastern Conference, guidata dai 22 di Collins e dalla doppia doppia da 22 e 14 assist di Young. I Philadelphia 76ers inciampano per l’ennesima volta sulla loro bestia nera, i Boston Celtics che, seppur privi di Kyrie Irving, battono 112-109 Phila al Wells Fargo Center: merito soprattutto di Gordon Hayward (26 dalla panca), Al Horford (23) e Jayson Tatum (20 e 10 rimbalzi), ai quali i 76ers, nonostante i 23 con 14 rimbalzi di Embiid, non riescono a trovare le giuste contromisure. Dopo 4 L consecutive tornano a correre i San Antonio Spurs che espugnano il FedEx Forum di Memphis con un tiratissimo 108-107 grazie alle buone prestazioni di Aldridge (22 e 11 rimbalzi) e Mills (22), che rendono vani per i Grizzlies gli sforzi dei nuovi arrivati Bradley (33) e Valanciunas (23 e 10 rimbalzi). Chi di correre, invece, non ha mai smesso sono i Golden State Warriors che battono gli Utah Jazz (Mitchell, 25) per 115-108 con l’ennesima prova di forza corale: Kevin Durant è il migliore con 28 punti, seguito dai 24 di Curry (decisivo però con le sue ultime due triple) e dai 22 di Thompson. Chiude il programma la sconfitta incommentabile per 88-118 dei Pelicans, battuti dagli Orlando Magic del solito Vucevic (25 e 17 rimbalzi) e da uno spogliatoio ormai alla frutta: Davis chiude con 3 punti in 24 minuti.

Alessandro Colonnello

21 anni. Studente di Economia al secondo anno con la passione per lettura, film e, soprattutto, basket. Finto giornalaio amante dei San Antonio Spurs e con un debole per Rajon Rondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *