Tensioni in casa Lakers, rissa sfiorata tra Walton e i giocatori

Tensioni in casa Lakers, rissa sfiorata tra Walton e i giocatori

Non si placano le voci attorno ai Los Angeles Lakers. Dopo le ormai risapute vicende in ambito mercato, con la questione Davis ancora a tenere banco, è scoppiato l’ennesimo caso in quel di LA, in una stagione che sembra non aver pace: al termine della sconfitta di questa notte contro i Golden State Warriors, sarebbero infatti volate parole forti all’interno dello spogliatoio. Ai due schieramenti ci sarebbero i veterani della squadra – Beasley, McGee e Stephenson – contro Luke Walton, che a più riprese ha criticato i suoi giocatori, colpevoli a suo dire di non aver dimostrato il necessario altruismo sul parquet: “È normale che quando i tuoi avversari fanno un parziale, aumentando l’intensità difensiva, si cerchi di rispondere attaccando uno contro uno. Ma questo fa solo il gioco della difesa avversaria. Per cui, dobbiamo continuare ad essere aggressivi e ad attaccare ma dobbiamo giocare con intelligenza e creare buoni tiri ed opportunità per i compagni”.

La risposta dei diretti interessati non si è fatta attendere, sfociando di fatto in una discussione dai toni forti e accesi, con alcuni membri dello staff che sono dovuti intervenire prima che la situazione degenerasse.

Le fonti vicine ai gialloviola parlano di un “episodio ingigantito dove non è successo nulla di grave” mentre secondo altri si tratterebbe di uno scontro liberatorio, soprattutto a seguito delle insistenti voci di mercato degli ultimi giorni.

Lance Stephenson, nel post partita, attraverso il suo profilo Instagram ha comunque voluto dire la sua, cercando di rassicurare i tifosi: “I giornalisti hanno voluto coinvolgere anche me ma io sono contentissimo di dove mi trovo. Se dovete riportare notizie del genere almeno fatelo riportando solo i fatti, sarebbe meglio

Claudio Rosa

21 anni, studente all'Università Cattolica del Sacro Cuore, aspirante giornalista ma giornalaio per passione, tifoso Lakers nel tempo libero ed amante occasionale dello stretch four.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *