Mostruoso Anthony Davis distrugge Dallas. Perdono Spurs e Raptors. Ai Clippers il derby di Los Angeles.

Mostruoso Anthony Davis distrugge Dallas. Perdono Spurs e Raptors. Ai Clippers il derby di Los Angeles.
Indiana Pacers (23-12) vs Detroit Pistons (16-16) 125-88

I Pistons nella notte sono stati letteralmente asfaltati dai Pacers. Alla Bankers Life Fieldhouse il risultato finale è netto e non lascia spazio a dubbi. Il massimo vantaggio raggiunto è stato di ben 37 punti e i migliori in campo sono stati Collinson e Sabonis, con 19 segnati entrambi, quest’ultimo senza essere nemmeno nei 5 titolari. Per i Pistons Griffin e Drummond gli unici ad averci provato.

Charlotte Hornets (16-17) vs Brooklyn Nets (17-19) 100-87

Gli Hornets grazie al solito Kemba Walker vincono sui Nets. L’atleta americano segna 29 punti facendo registrare ben sette triple su dodici. Già dal primo quarto i padroni di casa hanno incominciato a raccogliere vantaggio mantenendo più sempre almeno dieci punti di distacco dagli avversari. A parte Kemba i migliori sono stati Lamb sempre per Charlotte e per i Nets D’Angelo sigla un trentello.

Orlando Magic (15-19) vs Toronto Raptors (26-11) 116-87

Di una cosa dovete pur stare certi nella vita: la schedina sull’NBA non ve la dovete giocare. Perché poi va a finire come stanotte che la decima della Eastern stende la prima della classe dandole 29 punti di scarto. Di questa piccola impresa il protagonista non poteva che essere Vucevic con una doppia-doppia da trenta punti e 20 rimbalzi. Il terzo quarto è stato quello decisivo dove la differenza in campo si è delineata nel punteggio. Per i Raptors degni di nota Leonard (21 pnt) e Ibaka (17 pnt).

Washington Wizards (13-22) vs Chicago Bulls (9-26) 91-101

Nella partita di bassa classifica sono i giocatori in trasferta a spuntarla. Per i Bulls è la 4 vittoria in dieci partite mentre per i Wizards continua il periodo in negativo con l’ottava sconfitta nelle ultime dieci. Beal e LaVine i migliori realizzatori del match con 34 e 24 punti segnati. La partita rimane per la maggior parte del tempo molto equilibrata con continui scambi di vantaggio, la svolta per Chicago arriva all’inizio del 4° quarto.

Miami Heat (16-17) vs Cleveland Cavaliers (8-27) 118-94

Il record in negativo dei Cavaliers prosegue con la sconfitta di stanotte. Gli Heat invece si assicurano momentaneamente un posto nelle prime otto. La partita dal secondo quarto in poi procede sul binario unico tracciato da Miami. Sono ben 37 i minuti passati in vantaggio sui Cavs. Il migliore per punteggio Winslow con 24 punti mentre per Cleveland Clarkson si porta avanti per la nomina di Sesto uomo dell’anno, 18 punti/ 5 rimbalzi/ 4 assist.

Minnesota Timberwolves (16-18) vs Atlanta Hawks (9-24) 120-123

La partita finisce all’overtime dopo un perfetto scambio di possessi tra le due franchigie, con gli ultimi due quarti finiti in perfetta parità. A deciderla sono gli ultimi due tiri liberi di Dedmon che insieme a Collins e T.Young forma le tre doppie-doppie della serata per gli Hawks. Dall’altro lato i Wolves non fanno complimenti e Karl Anthony Towns mette 31 punti e prende 19 rimabalzi, Rose, ormai rinato, non è da meno, segnando 25 punti e fornendo 9 assist.

New Orleans Pelicans (15-20) vs Dallas Mavericks (16-17) 114-112

Primo ed ultimo quarto molto equilibrati ma nel secondo e terzo sono i Pelicans a mantenere il pallino del gioco. Sono proprio questi due frangenti in cui la squadra di New Orleans decide la partita. Tutta la scena se prende la straordinaria doppia doppia di Davis, sempre più pronto a diventare MVP, di 48 punti e 17 rimbalzi. Lo stesso vale per Randle che fa 22 punti e 12 rimbalzi. Per i Mavericks il migliore resta sempre l’ex Real Luka Doncic che non può fare a meno di dimostrarci la sua classe.

Phoenix Suns (9-26) vs Oklahoma City Thunder (21-12) 102-118

Westbrook ed il suo quarantello sbancano la Talking Stick Resort Arena e portano i suoi Thunder al terzo posto nella Western. I Suns continuano a rimanere gli ultimi del carro. La partita nonostante tutto risulta abbastanza equilibrata, la franchigia di Phoenix riesce persino a finire il terzo quarto in vantaggio. Ma nell’ultimo Schröder prende i redini della situazione segnando 14 punti. Alla fine della partita i migliori sono RW, Dennis S. con 20 punti, ed il centro più unico che raro Steven Adams, 12 punti e 13 rimbalzi.

Denver Spurs (22-11) vs San Antonio Spurs (19-17) 102-99

I Denver Nuggets rimangono saldi al primo posto. Il primo tempo la squadra di Denver aveva già provato a prendere il largo, ma nel secondo gli Spurs hanno cacciato l’orgoglio e di lì in poi, soprattutto nel terzo quarto quando San Antonio era riuscita quasi a recuperare tutto il vantaggio dei Nuggets, grazie ai 24 di Aldridge. I migliori sono Murray con 31 punti e Jokic che sfiora la tripla doppia facendo 21 punti, 9 rimbalzi, 8 assist.

Los Angeles Lakers (20-16) vs Los Angeles Clippers (21-14) 107-118

Il derby di Los Angeles se lo aggiudicano meritatamente i Clippers. Il risultato è stato molto altalenante quasi sino alla fine, con un continuo scambio di possessi. La differenza la fa Lou Williams nell’ultimo quarto, quasi la metà dei punti fatti precedentemente. A fine partita il play ne ha piazzati 36, dando pure 7 assist. Caldwell da subentrato ne fa 14 e per gli starter Lakers, Kuzma, si prende il palcoscenico facendo registrare 24 punti, 8 rimbalzi e 5 assist.

Martino Luigi Cavallaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *