Gli 11 giocatori più vincenti della storia NBA!

Gli 11 giocatori più vincenti della storia NBA!

Anelli vinti in carriera, premi di MVP della Regular Season, delle Finals e dell’All Star Game, Rookie dell’anno, Difensori dell’anno e Allenatori dell’anno.

Questa è la classifica dei giocatori che hanno vinto più premi individuali nella loro carriera:

 

11. Bob Cousy

Con 9 trofei il play-maker dei grandi Boston Celtics di fine anni ’50-inizio anno ’60 si posiziona all’undicesimo posto della classifica. 6 anelli (1957, 1959, 1960, 1961, 1962, 1963), una volta MVP della regular season (1957) e due volte MVP dell’All-Star Game (1954, 1957), questo il bottino dell’Houdini del parquet, a cui andrebbero aggiunte anche le 8 stagioni consecutive da miglior assist-man della Lega.

Immagine
Bob Cousy.

 

10. Wilt Chamberlain

Probabilmente avrebbe dovuto raccogliere di più durante la sua straordinaria carriera, ma l’aver dovuto combattere contro gli imbattibili Celtics per gran parte della sua carriera ne ha limitato le vittorie. Anche per lui sono 9 i premi conquistati in carriera: 2 anelli con Philadelphia e Los Angeles (1967, 1972), quattro volte MVP della regular season (1960, 1966, 1967, 1968), una volta MVP dell’All-Star Game (1960), una volta MVP delle Finals (1972) e il premio di Rookie dell’Anno (1960).

Immagine
Wilt Chamberlain.

 

9. Larry Bird

Sono 11, invece, i trofei individuali dell’ex Boston Celtics, l’unico insieme a Jordan, però, a vincere un premio in 6 categorie differenti: 3 anelli (1981, 1984, 1986), tre volte MVP della regular season (dal ’84 al ’86), due volte MVP delle Finals (1984, 1986), una volta MVP dell’All-Star Game (1982), oltre ai premi di Coach dell’anno (1998) e di Rookie dell’anno (1980).

Immagine
Larry Bird.

 

8. Shaquille O’Neal

12 i premi individuali di Big Diesel: 4 anelli tra Lakers e Heat (2000, 2001, 2002, 2006), una volta MVP della regular season (2000), tre volte consecutive MVP delle Finals (dal 2000 al 2002), tre volte MVP dell’All-Star Game (2000, 2004, 2009), oltre al premio di Rookie dell’anno (1993).

Immagine
Shaquille O’Neal.

 

7. Kobe Bryant

A pari merito con Shaq c’è anche il suo compagno di squadra ai Los Angeles Lakers, Kobe Bryant, 12 premi anche per il figlio di Jelly Bean: 5 anelli tutti a LA (2000, 2001, 2002, 2009, 2010), una volta MVP della regular season (2009), due volte consecutive MVP delle Finals (2009, 2010), quattro volte MVP dell’All-Star Game (2002, 2007, 2009, 2011).

Immagine
Kobe Bryant.

 

6. Tim Duncan

Insieme a Bryant e O’Neal c’è anche Tim Duncan, infatti anche il caraibico nella sua ventennale carriera con gli Spurs ha vinto 12 premi individuali: 5 anelli a San Antonio (1999, 2003, 2005, 2007, 2014), due volte MVP della regular season (2002, 2003), tre volte MVP delle Finals (1999, 2003, 2005), una volta MVP dell’All-Star Game (2000) oltre al premio di Rookie dell’anno (1998).

Immagine
Tim Duncan.

 

5. Magic Johnson

Un gradino sopra al trio Bryant-Duncan-O’Neal c’è un altro grandissimo della pallacanestro NBA, Magic Johnson, grazie ai 13 premi individuali vinti in carriera: 5 anelli (1980, 1982, 1985, 1987, 1988), tre volte MVP della regular season (1987, 1989, 1990), tre volte MVP delle Finals (1980, 1982, 1987) e due volte MVP dell’All-Star Game (1990, 1992).

Immagine
Magic Johnson.

 

4. LeBron James

L’unico giocatore in attività presente in questa classifica è l’attuale numero 23 dei Los Angeles Lakers, LeBron James, al quarto posto con i suoi 14 premi individuali in carriera: 3 anelli con Heat e Cavs (2012, 2013, 2016), quattro volte MVP della regular season (2009, 2010, 2012, 2013), tre volte MVP delle Finals (2012, 2013, 2016), tre volte MVP dell’All-Star Game (2006, 2008, 2018) e il premio di Rookie dell’anno (2004).

Immagine
LeBron James.

 

3. Kareem Abdul-Jabbar

Per il miglior marcatore di ogni epoca della storia sono 15 i premi individuali in carriera: 6 anelli tra Bucks e Lakers (1971, 1982, 1985, 1987, 1988), sei volte MVP della regular season (1971, 1972, 1974, 1976, 1977, 1980), due volte MVP delle Finals (1971, 1985) e il premio di Rookie dell’anno (1970).

Immagine
Kareem Abdul-Jabbar.

 

2. Bill Russell

Sul secondo gradino del podio, con 17 titoli individuali, c’è il giocatore con più anelli vinti in carriera, due dei quali portati a casa addirittura anche in veste di allenatore, Bill Russell: 11 anelli di cui 8 consecutivi (1957, 1959, 1960, 1961, 1962, 1963, 1964, 1965, 1966, 1968, 1969), cinque volte MVP della regular season (1958, 1961, 1962, 1963, 1965) e una volta MVP dell’All-Star Game 1963).

Immagine
Bill Russell.

 

1. Michael Jordan

Al primo posto di questa classifica non potevamo che trovare Michael Jordan, 22 i premi individuali per il miglior giocatore di sempre: 6 anelli (1991, 1992, 1993, 1996, 1997, 1998), cinque volte MVP della regular season (1988, 1991, 1992, 1996, 1998), sei volte MVP delle Finals (1991, 1992, 1993, 1996, 1997, 1998), tre volte MVP dell’All-Star Game (1986, 1996, 1998) e i premi di Rookie dell’Anno (1985) e Difensore dell’Anno (1988).

Immagine
Michael Jordan.

Alessandro Colonnello

21 anni. Studente di Economia al secondo anno con la passione per lettura, film e, soprattutto, basket. Finto giornalaio amante dei San Antonio Spurs e con un debole per Rajon Rondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *