History Dunkest: quando Rodman dominava senza fare punti.

History Dunkest: quando Rodman dominava senza fare punti.

La pallacanestro è un gioco di squadra, lo sappiamo tutti, ma più che in ogni altro sport il singolo può imporsi e decidere le sorti della partita grazie ad un’innata capacità offensiva. Oltre ai grandi marcatori, però, sono esistiti, esistono ed esisteranno anche giocatori che vivono e giocano facendo il cosiddetto lavoro sporco ovvero difendendo in maniera estenuante, prendendo rimbalzi e recuperando palloni. Sicuramente senza la presenza di questi giocatori “di sistema” la squadra non sarebbe in grado di mettere il proprio giocatore chiave nella condizione di poter esprimere al meglio tutto il proprio talento. Tanti sono stati i giocatori che hanno costruito la propria carriera facendo il “lavoro sporco”, ma il più rappresentativo tra questi è Dennis Rodman, che ha fatto parte di una delle squadre più forti della storia della pallacanestro, i Bulls del triennio ’96-’98. Oggi parleremo di una performance in particolare, sicuramente non la migliore ma quella che descrive al meglio le caratteristiche del verme di Trenton. Facciamo un passo indietro fino alla notte dell’ 1 Dicembre 1993 quando i San Antonio Spurs di David Robinson fecero visita agli Hornets di Bogues e Mourning. Davanti ai 23.698 spettatori dello Charlotte Coliseum David Robinson guidò gli Spurs alla loro decima vittoria stagionale mettendo a referto 31 punti 19 rimbalzi 4 stoppate e 6 assist. Ma neanche la prestazione di Rodman passò inosservata, infatti il nativo del New Jersey non mise a segno nemmeno un canestro con 0/5 dal campo ma portò comunque a casa 28 rimbalzi di cui 18 difensivi e 10 offensivi aggiungendo anche 3 assist e 4 palle perse. Non sarebbe stato di certo un incredibile punteggio Dunkest ma vi abbiamo voluto raccontare di questa prestazione perché a dispetto degli 0 punti fatti, comunque Dennis totalizzó un punteggio di 30,5 punti Dunkest . Appuntamento alla prossima domenica per un’altra incredibile prestazione dell’NBA in chiave fantasy basketball .

A cura di SOS Dunkest

Saverio Lanzillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *