Italians Do It Better – Gallinari vince il “derby d’Italia”, ancora male San Antonio

Italians Do It Better – Gallinari vince il “derby d’Italia”, ancora male San Antonio

Settimana intensissima, quella appena trascorsa, per i nostri italiani impegnati in Nba. Anche stavolta è andata decisamente meglio a Danilo Gallinari, che si gode un piazzamento stabile nelle zone privilegiate della Western Conference. Arrancano ancora gli Spurs di Marco Belinelli, che restano comunque attaccati alle posizioni valevoli per i playoff.

Pronti, via e arriva subito una sconfitta per San Antonio in casa dei Suns, attualmente ultimi ad Ovest. Basse percentuali al tiro per Beli (33%) che mette a referto 10 punti in 25 minuti ma si rende protagonista di un’ottima prestazione difensiva che, però, servirà a ben poco: il punteggio finale dice infatti 116-96 per Phoenix. L’indomani arriva un’altra battuta d’arresto, stavolta nel “derby d’Italia” contro i Clippers di Gallinari che vincono 116-111. Anche qui i numeri per il nativo di San Giovanni in Persiceto non sono esaltanti, con solo 7 punti realizzati in 23 minuti e -10 di valutazione. La vittoria arriva finalmente nella notte tra domenica e lunedì contro Golden State – che senza Curry non sa più vincere – per 104-92. Nonostante le basse percentuali da 3 (29%) Belinelli  – autore di 12 punti – mette nel giro di pochi secondi due triple decisive che permettono ai texani di allungare e vincere la partita. Quella contro i Warrios resta purtroppo l’unica vittoria settimanale per la squadra di Popovich che deve arrendersi anche difronte ai Pelicans. Il cestista italiano mette 11 punti (col 40% da 3) e 4 assist ma non bastono: vince New Orleans 140-126. Senza infamia e senza lode, fin qui, la carriera di Belinelli che non riesce a ripetere gli straordinari numeri di Philadelphia ma viaggia comunque ad una dignitosissima media di 10,5 punti, 2 assist e 2 rimbalzi a partita.

Settimana decisamente positiva invece per i Clippers e Danilo Gallinari, che mettono a segno tre vittorie ed una sola sconfitta. Il primo successo arriva proprio nel “derby” contro gli Spurs. Il Gallo tira con ottime percentuali (50% da 3) mettendo a referto 19 punti – di cui nove dalla lunetta – e 6 rimbalzi. Il filotto di vittorie continua contro Brooklyn, battuta a domicilio 127-119. Proprio al Barclays Center Gallinari registra il suo season-high, segnando 28 punti con percentuali altissime al tiro (71% da 3). La terza vittoria arriva invece in casa di Atlanta per 127-119, con Gallinari che viene preservato in vista del match contro Washington. Proprio contro i Wizards arriva l’unica scommessa settimanale. Dopo un grandissimo inizio dei Clippers, trascinati da uno straripante Tobias Harris, la partita cambia dopo la pausa lunga, con i padroni di casa che mettono 71 punti negli ultimi due quarti a fronte dei 45 dei ragazzi di Doc Rivers. Serata da dimenticare per Danilo che registra un incredibile 0% al tiro, mettendo solo 3 punti dalla lunetta, ma che tuttavia si improvvisa un discreto assistman. Prestazione negativa che pesa non poco ai fini statistici: da 20, i punti di media dell’ala dei Clippers scendono a 18,6.

Prossima settimana gli Spurs proveranno a riscattarsi sin da subito contro Memphis, sorpresa di questo inizio stagione, poi con Indiana, Milwaukee e Chicago. Grizzlies che saranno anche gli avversari dei Clippers, che affronteranno, nel resto della settimana, anche Portland.

Alfio Pappalardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *