San Antonio vince il derby texano, bene i Warriors senza Curry, vincono anche Lakers e Pelicans, passo falso per Phila e OKC

San Antonio vince il derby texano, bene i Warriors senza Curry, vincono anche Lakers e Pelicans, passo falso per Phila e OKC
New Orleans Pelicans (6-6) vs Phoenix Suns (2-10) 119-99

Arriva l’ennesima sconfitta per i Suns, la decima stagionale, che si fanno dominare a piacimento dai Pelicans. Partita senza storia con New Orleans che scappa subito nel primo quarto, chiuso 33-26, e non si gira più indietro fino alla sirena finale. Anthony Davis torna finalmente sui suoi livelli con una prestazione da 26 punti e 13 rimbalzi, aiutato da un solido Julius Randle in doppia-doppia da 22 punti e 15 rimbalzi. Per Phoenix, condannata dal tiro da 3 (10/36), ci sono i 25 di Warren e la doppia doppia da 20+12 di Ayton.

 

Chicago Bulls (4-9) vs Cleveland Cavaliers (1-11) 99-98

“Non c’è mai fine al peggio” e questo sembra quanto mai vero per i Cavs, di questo inizio di stagione, reduci dall’undicesima sconfitta su dodici partita e dall’ultimo posto a Est. A inguaiare ancor più Cleveland e l’ennesima L, patita a Chicago con i Bulls di un sempre più sorprendente LaVine (24 punti e 8 rimbalzi), nonostante i Cavaliers fossero riusciti a rimettere in piedi una partita che sembrava già decisa nel primo quarto, ma poi persa nuovamente nell’ultima frazione. Gli unici a salvarsi in casa Cavs sono Thompson, Sexton (finalmente convincente) e Hood, tutti sopra i 20 punti.

 

Memphis Grizzlies (7-4) vs Philadelphia 76ers (8-6) 112-106

I Grizzlies vincono alsupplementare con i 76ers dopo una partita abbastanza combattuta nei canonici quattro quarti, ma con un tempo supplementare stravinto dagli uomini di Memphis. Phila scappa via sia nel secondo quarto (+16), che nell’ultimo, ma viene ripresa in entrambi i casi, (grazie anche a un super Mike Conley da 32 punti) quella decisiva nell’ultimo minuto di gioco con Temple che impatta sul 102 pari. Nei 5 minuti decisivi Philadelphia segna solo 4 punti, complici anche gli errori di Embiid, e consegna difatto la vittoria nelle mani degli uomini di Fizdale.

 

Miami Heat (5-7) vs Whashington Wizards (3-9) 110-116

La partita del American Airlines Arena si decide tutta nell’ultimo quarto, quando Washington scappa via con un parziale di 10-0, dopo aver rincorso per tutta la partita, e porta a casa la terza W stagionale. Fondamentali per i capitolini i 28 con 9 assist di Wall, i 36 punti equamente distribuiti tra Rivers e Beal e le doppie doppie di Howard e Green. Miamisi mangia le mani per una partita persa dopo aver dominato, grazie ai 28 di Richardson e al career-high (22) di McGruder.

 

Golden State Warriors (11-2) vs Brooklyn Nets (6-7) 116-100

Partita scontata alla Oracle Arena con i campioni in carica che hanno la meglio su dei comunque combattivi Nets. I Warriors, privi di Curry, hanno comunque un  Durant sfrenato che ne mette 28 in soli trenta minuti giocati e un Klay Thompson da 24, oltre ali 27 di Quinn Cook, back-up del numero 30. Per i Nets una partita complicata, ma onorata al massimo soprattutto da un Joe Harris da 24 punti con 9/12 dal campo.

 

San Antonio Spurs (7-4) vs Houston Rockets (4-7) 96-89

La partita della notte è il derby texano che si svolge a San Antonio. A uscirne vincitori sono proprio di padroni di casa, che sfruttano l’orrenda serata al tiro di Houston (30/90 complessivo e un sanguinoso 9/41 dall’arco), subendo solo a tratti il gioco offensivo dei Rockets. L’uomo copertina del successo è un ritrovato LaMarcus Aldridge da 27 punti e 10 rimbalzi, che fa meglio anche di James Harden (25), e trascina al settimo successo stagionale i suoi.

 

Dallas Mavericks (4-8) vs Oklahoma City Thunder (7-5) 111-96

Dopo i sette successi consecutivi i Thunder vengono fermati all’American Airlines Center da Luka Doncic e compagni. Partita combattuta solo per i primi 12 minuti, poi Dallas scappa via con un mega parziale da 29-8 e controlla tranquillamente fino al termine. Sugli scudi per i padroni di casa Doncic (22 punti, 8 assist e 6 rimbalzi) e Barea (21 punti); per OKC troppo poco le doppie doppie (entrambe da 20+13) di George e Adams.

 

Sacramento Kings (7-6) vs Los Angeles Lakers (6-6) 86-101

I Lakers sembrano aver trovato una quadratura di squadra e lo dimostrano in una partita che non era affatto semplice, contro la vera sorpresa di questo inizio di stagione. LA comanda per tutta la partita, grazie a un LeBron da 25 punti (e convincente anche con il tiro da fuori), e allunga anche nel finale con le seconde linee. I Kings perdono la terza partita delle ultime quattro, ma si godono comunque un DeAron Fox da 21 punti.

Martino Luigi Cavallaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *