Le 6 franchigie mai arrivate alle Finals!

Le 6 franchigie mai arrivate alle Finals!

Bentornati a tutti voi, cari malati di pallacanestro a stelle e strisce. Sapete cosa ci accomuna? Il fatto che, anche se oggi, a metà Novembre, piove e fa freddo, siamo già tutti proiettati con la mente a Giugno, quando si spera che la nostra squadra del cuore lotterà in sette gare per la conquista dell’anello.

Ah, le Finals. Eppure ci sono 6 squadre che non hanno mai avuto il privilegio di giocare per l’ambito trofeo.
Scopritele con noi.

 

  • New Orleans Pelicans

Ci troviamo di fronte ad una delle squadre più giovani dell’intera lega, dato che sono stati fondati soltanto nel 2002. In questi pochi anni di Nba, hanno raccolto soltanto un trofeo, il titolo della Division nel 2007/08, venendo poi eliminati dagli Spurs al secondo turno di playoff.
Considerando l’altissimo livello della Western Conference di adesso, pare veramente impossibile vedere i Pelicans alle Finals, anche se da quelle parti gioca un certo Anthony Davis, ma ancora per quanto tempo resterà?

(Credits: sbnation.com)

 

  • Minnesota Timberwolves 

Qui il discorso è un po’ diverso perché, a differenza di NOLA, a Minneapolis hanno veramente assaporato il gusto delle Finals. È infatti la primavera del 2004 quando i TWolves, guidati dall’MVP della Regular Season Kevin Garnett, si prepara da vincitrice della propria Division – unico successo della storia della franchigia – ad affrontare i playoff come una delle favorite per la vittoria finale. Purtroppo per loro, dopo aver battuto Denver e Sacramento, il loro sogno terminerà ai piedi delle Finals, sconfitti in sei gare dai Los Angeles Lakers.
Una beffa tremenda per Minnesota che vedrà poi andare via Garnett, salutando così di fatto i playoff, ritrovati la passata stagione a tredici anni di distanza da quella grandissima delusione.

(Credits: David Sherman/NBAE via Getty Images)

 

  • Los Angeles Clippers

Se si parla di sconfitte o fallimenti, non si può non citare la parte ‘sfigata’ di LA. L’occasione migliore nella storia della franchigia è sicuramente quella avuta qualche stagione fa, quando in California giocavano Chris Paul e Blake Griffin. Nella Lob City, mai una Finale di Conference in più di cinque anni. gli addii dei sopracitati hanno poi fatto il resto..

(Credits: sportingnews.com)

 

  • Denver Nuggets

Forse quella che più di tutti ha dei rimpianti per come è andato il proprio corso degli eventi. I Nuggets infatti, sono arrivati alle Finali di Conference nel 1978, nell’85, e nel 2009, perdendo prima con Seattle e poi due volte consecutive con i Lakers. È forse proprio quest’ultima la sfida che fa più male ai tifosi di Denver che, con un Anthony in squadra, avrebbero potuto fare molto meglio, considerando anche la passeggiata fatta da LA nelle Finals contro dei Magic tutt’altro che irresistibili.

(Credits: sbnation)

 

  • Memphis Grizzlies

Ecco, ora preparatevi perché le ultime due squadre saranno veramente una valle di desolazione. Incominciamo dai Memphis Grizzlies che, in 22 anni, non hanno raccolto nessun trofeo, trovando conforto soltanto nella Finale di Conference persa nel 2013 contro gli Spurs. La cosa preoccupante però, è che il futuro non sembra avere un piano ben definito per i poveri Grizzlies, ingabbiati in uno degli Ovest più competitivi di sempre e con una squadra da rifondare, prima o poi.

(Credits: Nba)

 

  • Charlotte Hornets

Qui raggiungiamo l’apice. Ah, gli Hornets, in ormai trent’anni di onorata carriera Nba, non hanno mai vinto nulla. Zero Division, zero Titoli di Conference, zero Finals, zero. Si sperava che, con l’acquisizione della franchigia da parte di Michael Jordan potesse cambiare qualcosa, ed invece nada. Unica consolazione Kemba Walker, All Star per due anni consecutivi, ma difficilmente sarà in grado di portare Charlotte sul tetto del mondo.

(Credits: USA Today)

Claudio Rosa

21 anni, studente all'Università Cattolica del Sacro Cuore, aspirante giornalista ma giornalaio per passione, tifoso Lakers nel tempo libero ed amante occasionale dello stretch four.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *