Curry e Durant trascinano i Warriors, prima gioia per OKC, bene Jazz e Clippers

Curry e Durant trascinano i Warriors, prima gioia per OKC, bene Jazz e Clippers
(2-4) Brooklyn Nets 114 – 120 Golden State Warriors (6-1)

Quarta vittoria consecutiva e sesta stagionale per i Golden State Warriors al Barclays Center contro dei mai domi Brooklyn Nets. Padroni di casa che partono bene e vanno avanti 26-19, poi però un parziale di 11-0 dei campioni in carica, dà il primo vantaggio dell’incontro ai Warriors. Trascinati da uno straordinario Stephen Curry, che a fine terzo quarto è già a quota 29, i Warriors scappano fino al +16 di fine terzo quarto. L’ultimo quarto è un duello tra Durant e Russell, per entrambi 12 punti nell’ultima frazione, con Brooklyn che cerca l’impresa, arriva fino al -2, ma deve arrendersi al talento senza fine di Curry e Durant, che con 2 canestri ammazzano definitivamente la partita. Alla sirena finale sono 35 per Curry e 34 per Durant, ai Nets non bastano, invece, i 25 di Russell e i 23 di LeVert.

 

(2-4) Dallas Mavericks 104 – 113 Utah Jazz (4-2)

Utah sembra aver ingranato e coglie la terza W in fila contro Dallas, sempre nel segno di Rudy Gobert. Il centro francese chiude con 23 punti, 16 rimbalzi e 3 stoppate, nonostante il duello ravvicinato con un comunque ottimo DeAndre Jordan, 12 punti e 19 rimbalzi per lui. I Jazz comandano per quasi tutto l’incontro ad esclusione di pochi minuti nel terzo quarto, in cui Dallas mette brevemente la testa avanti. A fine partita oltre a Gobert, Utah ha i 20 di Mitchell; mentre per Dallas ci sono Matthews e Smith, rispettivamente con 22 e 27 punti, più in ombra Doncic, 14 punti ma con brutte medie dal campo.

 

(1-4) Oklahoma City Thunder 117 – 110 Phoenix Suns (1-5)

Arriva la prima vittoria stagionale per OKC, che alla Chesapeake Energy Arena batte i Suns, giunti invece alla 5 W consecutiva. Vittoria che arriva con i Thunder sempre in controllo della partita con vantaggio che si dilata fino al +26, nonostante il parziale finale di 21-3 subito negli ultimi 4 minuti di gioco. Ma se George e Westbrook combinano per 46 punti, finalmente con buone medie di tiro, Oklahoma può godersi un decisivo Nerlens Noel da 20 punti, 15 rimbalzi e 4 rubate. A Phoenix, ancora senza Booker, non bastano i 18 di Okobo e Warren e la doppia doppia da 16+11 di Ayton.

 

(4-2) Los Angeles Clippers 136 – 104 Washington Wizards (1-5)

Ultima partita della notte è quella tra Clippers e Wizards, con LA che coglie un importantissimo successo, il quarto stagionale. Partita poco combattuta con i padroni di casa che mandano nove uomini in doppia cifra, il migliore è un Tobias Harris da 22 e 11 rimbalzi, e chiudono con 32 punti di vantaggio. A condannare Washington, per cui non sembra voler terminare il momento nero, è il 19% da 3 (5/27), nonostante le discrete prestazioni di Wall, Beal e Green.

Alessandro Colonnello

21 anni. Studente di Economia al secondo anno con la passione per lettura, film e, soprattutto, basket. Finto giornalaio amante dei San Antonio Spurs e con un debole per Rajon Rondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *