Detroit vola e Griffin ne fa 50, Pelicans e Nuggets imbattuti ad Ovest

Detroit vola e Griffin ne fa 50, Pelicans e Nuggets imbattuti ad Ovest

(2-2) Philadelphia 76ers 132 – 133 Detroit Pistons (3-0)

L’unica partita della notte ad Est si gioca tra i 76ers, chiamati alla vittoria per tenere il passo dei Raptors, ed i Detroit Pistons che, chi l’avrebbe mai detto, sono ancora imbattuti.
Le due squadre accettano i ritmi altissimi, e ne viene fuori un incontro spettacolare dove a farla da padrone sono Blake Griffin da una parte, ed il duo Embiid-Redick dall’altra. Il match resta sempre in equilibrio, se si esclude una mini fuga degli ospiti prontamente interrotta sul nascere da Detroit, con le due squadre che arrivano così ai minuti finali vicinissime nel punteggio. Phila avrebbe anche tra le mani la palla della vittoria ma il tiro da tre di Saric si stampa sul ferro. Non ci resta che andare quindi ai supplementari con i Piston, a 8 secondi dalla fine, sono avanti di due lunghezze. Fortunatamente per coach Brown,, Redick caccia dal cilindro una tripla irreale in uscita dai blocchi, riportando i suoi in vantaggio ma nella notte speciale di Blake Griffin (50 punti a fine partita) succede anche che in penetrazione riesca a segnare, subire il fallo e realizzare anche il tiro libero supplementare che regala così la W ai Pistons.

 

(2-2) Los Angeles Clippers 109 – 116 New Orleans Pelicans (3-0)

L’altro grande match di serata, tra due squadre interessanti capaci di dire la loro nella Western Conference. Dopo un primo tempo di studio, sono i Pelicans però a dare lo strappo vincente, guidati dal solito Davis (43 pts, 13 reb) sempre più in versione MVP. Nell’ultimo quarto LA prova a ricucire lo strappo ma NOLA regge, portando a casa un’altra W, restando imbattuta. Per i Clippers invece, buon le prove di Tobias Harris, top scores dei suoi con 26 punti, e del nostro Danilo Gallinari, autore di 24 punti con un ottimo 8/15 al tiro.

 

(1-3) Sacramento Kings 112 – 126 Denver Nuggets (4-0)

C’è da cominciare ad avere paura di questi Denver Nuggets che, seppur con un avversario sulla carta modesto come Sacramento, centra il quarto successo consecutivo e vola in testa. La partita non ha molto da dire, con Denver in vantaggio sin da inizio incontro e mai realmente in difficoltà. Onore comunque a Sacramento che ha provato in tutti i modi di restare in scia, non lasciando mai ai Nuggets di aprire un parziale importante, ma mai in grado di impensierire veramente la franchigia del Colorado che è apparsa fin dalle prime battute in controllo del match.
Il tabellino inoltre, ci dice come quella di Denver sia stata una vittoria corale, con ben 8 giocatori in doppia cifra di punti.

Claudio Rosa

21 anni, studente all'Università Cattolica del Sacro Cuore, aspirante giornalista ma giornalaio per passione, tifoso Lakers nel tempo libero ed amante occasionale dello stretch four.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *