Eurolega 2018/19: pronti, partenza, via!

Eurolega 2018/19: pronti, partenza, via!

Oggi ricomincia la nuova stagione di Eurolega. Ecco una breve guida per non farvi trovare impreparati.

 

Le squadre:

Anadolu Efes Pilsen: La squadra turca dopo aver chiuso la scorsa annata all’ultimo posto i ragazzi di coach Ergin Ataman, riconfermato nonostante la brutta avventura, dovranno assolutamente migliorare lo score. Della passata stagione sono partiti parecchi giocatori e ne sono arrivati altrettanti. Tra gli addii spiccano quelli di Sonny Weems e di Zoran Dragic, mentre tra i nuovi arrivati ad alzare il livello della squadra ci penseranno Shane Larkin che dopo l’esperienza in NBA con i Celtics torna in Europa e Rodrigue Beaubois. Dello scorso anno serviranno ancora i centimetri di Bryant Duston e la duttilità di Krunoslav Simon e di Dogus Balbay.

 

Armani Exchange Milano: Dopo delle deludenti stagioni, i milanesi hanno deciso di confermare gran parte dello scorso anno e di inserire giocatori del calibro di Mike James, Nedovic, Della Valle, Brooks e Burns che hanno sicuramente alzato il livello della squadra. I playoff non sono un traguardo cosi impossibile, ma bisognerà lottare ogni partita e “sputare sangue”.

 

Buducnost  Podgorica: In terra balcanica non sarà facile vincere e per farlo ci vorrà grande determinazione. Sicuramente non spicca tra le prime della classe, ma la squadra di coach Dzikic potrà affidarsi alla solidità di  Craft, alla classe di Jackson e alla coppia Clark-Clarke.

 

Cska Mosca: La corazzata russa dopo la delusione di Belgrado rimane anche quest’anno tra le papabili vincitrici della competizione. Coach Itoudis potrà contrare sull’esperienza di De Colo, Rodriguez, Hackett, Haynes e Vorontsevich, Clyburn e Hunter.

 

Darussafaka: Rispetto alla passata stagione culminata con la vittoria in EuroCup, il Darussafaka riparte da coach Caki che non dovrà far rimpiangere coach Blatt, ma ovviamente non sarà una missione facile. McCallum e Brown dovranno essere le guide della squadra. Nei momenti decisivi ci dovrà pensare Diebler, che con la sua esperienza gestirà  situazioni importanti, caricandosi la squadra sulle spalle.

 

Barcellona: Dopo il ritiro dal basket giocato di uno dei simboli della catalogna, Juan Carlos Navarro, la squadra spagnola riparte da un gruppo ben consolidato dello scorso anno: Heurtel, Tomic, Ribas, Hanga, Oriola, Claver e Seraphin. Per ritornare a giocare notti magiche e speciale il Barça ha scelto di puntare sul talento di Blazic, Pangos e Singleton. In panchina sederà anche in questa stagione coach Svetislav Pesic.

 

Bayern Monaco: La compagine tedesca si prepara ad una stagione elettrizzante. Sicuramente non tra le favorite per la vittoria finale, ma occhio a chi siede in panchina perché coach Radonjic sa bene come si gioca l’Eurolega e dalla parte di Belgrado un po’ di nostalgia c’è. Dangubic, Lucic e Lazic rappresentano i punti fermi del roster.

 

Fenerbahce: Dopo essersi arresi nell’atto finale contro il Real, i ragazzi di coach Obradovic sono pronti per vivere un’altra superlativa stagione, sperando che l’esito sia differente. Le certezze dei turchi si chiamano Sloukas, Datome, Melli, Bobby Dixon, Vesely e Kalinic. In casa Fenerbahce tra i nuovi volti ci sono Guduric e Lauvregne.

 

Gran Canaria: La squadra delle Canarie è carica per la nuova avventura. Coach Salva Maldonaldo ha già indicato la strada da seguire (qualità del gioco) e si affiderà alle giocate di Pasecniks, Tillie e DJ Strawberry per cercare di conquistare più successi possibili.

 

Khimki: I russi dopo aver messo in serie difficoltà i rivali del Cska nei playoff ripartono dalla leadership di coach Bartzokas. In estate la squadra è rimasta colpita dalla morte di Honeycutt, ma è pronta per sorprendere nuovamente. Tra i nuovi volti in evidenza mettiamo Jordan Michey che con la sua fischiò potrebbe mettere in difficoltà molte difese.

 

Baskonia: Poter giocare le Final 4 tra le mura amiche della Fernando Buesa Arena potrebbe essere il più bel regalo per celebrare i sessant’anni del club. La compagine spagnola riparte da coach Pedro Martinez in panchina e in campo di Diop, Voigtmann, Poirier, Shengelia, Huertas, Granger e Janning. Tra i nuovi volti spiccano Shavon Shields e Darrun Hilliard.

 

Maccabi Tel Aviv: La squadra israeliana ha deciso di riconfermare coach Neven Spahjia, Di Bartoleo, Tyus, Cohen, Kane e Roll. Dopo la dolorosa partenza di Norris Cole, approdato ad Avellino, il Maccabi si affida alla classe di Pargo e Wilbekin, con l’obiettivo di raggiungere i playoff.

 

Olympiacos: La compagine greca come ogni stagione è pronta a vivere un’altra grande stagione  europea. Alla griglia di partenza i greci sono considerati una delle possibili squadre vincitrici della competizione. Dopo diverse annate sotto la guida di coach Sfairopulos, la società ellenica ha deciso di affidarsi all’esperienza di coach David Blatt, uno che sa come si vincono i trofei. Tra i riconfermati ci sono i veterani Spanoulis, Papanikolau e Pintezis. In casa biancorossa sono invece approdati Veseznkov, Timma, Toupane, LeDay e Williams-Goss, dopo i saluti di McLean,Tillie, Hollis Thompson, Bobby Brown, Roberts e Papapetrou.

 

Panathinakos: I Greens sono pronti per vivere una grande stagione nelle competizione; dopo l’eliminazione nei playoff contro il Madrid, i ragazzi di coach Xavi Pasqual ripartono dall’intelligenza di Nick Calathes e di Lekavicius in cabina di regia. Nel ruolo di guardie ad essere la punta di diamante sarà Keight Langford. Sotto le plance il Pana farà affidamento alla potenza di Gist e Lasme. Se l’orchestra di Pasqual riuscirà a trovare la giusta sinfonia ci sarà da divertirsi.

 

Real Madrid: I campioni d’Europa dopo l’addio di Doncic, approdato oltreoceano in quel di Dallas ricomincia come ogni anno da un solido gruppo formato da Llull, Reyes, Carroll, Fernandez, Ayon e Randholph, Caseur. A vestire per la prima volta la canotta dei Blancos ci saranno  Prepelic e Deck. Il maestro sarà ancora una volta coach Pablo Laso.

 

Zalgiris Kaunas : Dopo la gloriosa annata dello scorso anno, conclusa con il pass delle F4, la squadra lituana è carica per un’altra entusiasmante stagione. In panchina si sederà nuovamente coach Jasikevicius. Per i nuovi arrivati ad incarnare lo spirito Zalgiris ci penseranno Ulanovas, Milaknis, Jankunas, White , Davies e Kavaliauskas. La scommessa? Walkup…

 

 

 

A cura di Lorenzo Lubrano

 

Redazione Airball

Finti baskettari che cercano di parlare di pallacanestro. Giornalisti o giornalai? Fate voi. #BeAirBall

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *