PAGELLONE: EP.28 – SACRAMENTO KINGS

PAGELLONE: EP.28 – SACRAMENTO KINGS

VOTO: 5,5

Sembra passata una vita intera, ed invece solo un anno e mezzo fa i Sacramento Kings cedevano DeMarcus Cousins ai New Orleans Pelicans in cambio di Buddy Hield, Tyreke Evans, Langston Galloway, una prima e una seconda scelta futura. La decisione da parte della dirigenza dei Kings venne molto criticata ma, a distanza di poco tempo, qualcosa di positivo pian piano forse sta nascendo.

Marvin Bagley III, potrà fare bene in Nba?

Seppur la scorsa stagione si è chiusa con un modestissimo 27-55, in California sono riusciti comunque a portare a casa una seconda scelta al Draft, con la quale è stato poi selezionato Marvin Bagley III. Il prospetto di Duke è uno dei giocatori più enigmatici di questa classe di rookie, con un fisico da 4 ma un gioco da centro puro. In attacco non si discute, con le doppie doppie che ormai andavano via come noccioline. Il problema però è nell’altra metà campo, quando tocca difendere: non è un caso che Coach K, dopo vari tentativi, è stato costretto a passare alla difesa a zona pur di non fare a meno di lui.

Oltre a Bagley comunque, è tornato McLemore, e si è aggiunto anche Nemanja Bjelica: il serbo, dopo aver rifiutato l’accordo preso con i 76ers per tornare in Europa, ha stupito tutti firmando appunto un triennale da 20,5 milioni di dollari con Sacramento, con il terzo anno di contrato non garantito. Ovviamente, nella decisione dell’ex Minnesota, oltre al lato economico (l’annuale a 4 mln di Philadelphia era poco allettante), ha giocato un ruolo centrale anche Vlade Divac, gm dei Kings, che si è mosso in prima persona per convincere Bjelica a vestirsi di viola.

Sacramento Kings, una lenta ricostruzione.

Il mercato di Sacramento finisce fondamentalmente qui, con pochi e arrivi e nessuna partenza degna di nota, se non il povero Vince Carter che almeno dava un po’ di esperienza ad una squadra molto giovane. Cosa aspettarsi? Non i playoff, non un buon piazzamento a metà classifica e neanche 30 vittorie forse. La squadra è ancora troppo acerba, ma di tempo per crescere ce n’è, quindi per il futuro si vedrà. Adesso ci aspetta soltanto un’altra stagione da bassifondi, senza neanche scelte al prossimo Draft.

 

QUINTETTO: Fox – Hield – Bogdanovic – Randolph – Cauley-Stein

Claudio Rosa

21 anni, studente all'Università Cattolica del Sacro Cuore, aspirante giornalista ma giornalaio per passione, tifoso Lakers nel tempo libero ed amante occasionale dello stretch four.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *