PAGELLONE: EP.22 – MEMPHIS GRIZZLIES

PAGELLONE: EP.22 – MEMPHIS GRIZZLIES

 VOTO: 5.5

Si può prevedere il futuro di una franchigia con poco appeal e con il secondo peggior record della lega (22-60)? Ni, perché se è vero che l’estate dei Grizzlies è stata più movimentata del solito, bisogna anche dire che i colpi non hanno fatto urlare di stupore i propri tifosi.

Sono infatti arrivati Garrett Temple e di Omri Casspi, giocatori d’esperienza che sicuramente daranno una mano allo spogliatoio, e Kyle Anderson, il cui arrivo ha probabilmente spiazzato anche gli stessi Grizzlies che quasi non credevano fosse vero, e che ora nella nuova squadra può finalmente giocare più minuti elevando il proprio gioco.

Kyle Anderson, il grande colpo estivo dei Grizzlies (Credits by Kevin Sousa/USAToday Sports)

La speranza più grande dei tifosi è però riposta in quella quarta chiamata al draft che risponde al nome di Jaren Jackson Jr, ala/centro estremamente completa e considerata da molti come una mina vagante di questa classe di rookie. Tra tutti, è sicuramente uno dei più pronti al grande salto, e la  vicinanza con Marc Gasol non può far altro che aiutarlo in questo lungo percorso che sta intraprendendo.

Una perdita pesante?

L’unica macchia in una estate che poteva essere tutto sommato sufficiente, è stata la questione riguardante Tyreke Evans: il giocatore infatti, dopo essere diventato Free Agent, ha accettato l’offerta annuale degli Indiana Pacers lasciando Memphis, dove si era rilanciato dopo le esperienze fallimentari a New Orleans e Sacramento. I Grizzlies dal canto loro perdono un elemento da 19.4 punti, 5.1 rimbalzi e 5.2 assist di media, il tutto tirando con il 45.2% dal campo e 39.9% dalla lunga distanza in 30.9 minuti di utilizzo di media per un totale di 52 partite dispute prima di chiudere la passata stagione per infortunio.

Ma quindi, quale sarà il futuro della franchigia allenata da Bickerstaff? I giocatori ci sono, Conley, Gasol e Parsons sono già un buon punto di partenza su cui ricostruire, ma il resto della squadra resta ancora poco esperto e forse troppo variegato al proprio interno. C’è forse ancora bisogno di amalgamare bene il tutto, mettendo insieme i pezzi rimanenti prima di tornare a dar fastidio a tutti come qualche stagione fa.

 

QUINTETTO: Conley–Temple–Anderson–Jackson–Gasol

 

Il meglio del 2017-2018 a Memphis, la città del Grit&Grind:

Claudio Rosa

21 anni, studente all'Università Cattolica del Sacro Cuore, aspirante giornalista ma giornalaio per passione, tifoso Lakers nel tempo libero ed amante occasionale dello stretch four.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *