PAGELLONE: EP.16 – DALLAS MAVERICKS

PAGELLONE: EP.16 – DALLAS MAVERICKS

VOTO: 6,5

Che l’estate di Dallas potesse diventare movimentata s’era capito già dalle prime battute della scorsa stagione, quando la franchigia texana ha inanellato una serie di sconfitte che poi sono culminate con un record finale (24-58) tutt’altro che positivo. L’intenzione era ormai chiara a tutti, rifondare.

La svolta dell’off-season (e forse dei prossimi anni) dei Mavericks è arrivata il 21 giugno, data del Draft, quando i texani, in un modo o nell’altro, sono riusciti a scambiare la loro quinta scelta del 2018 ed una prima del 2019 con gli Atlanta Hawks che in cambio hanno consegnato la loro numero 3, dalla quale è stato poi pescato Luka Doncic, probabilmente il giocatore più atteso e chiacchierato di questa classe di rookie.
Lo sloveno è sicuramente il più pronto tra i suoi “colleghi”, avendo già giocato (e vinto) l’Eurolega da assoluto protagonista quest’anno, venendo incoronato sia MVP della Regular Season che della Finale, oltre che aver portato insieme a Dragic la sua nazione sul tetto d’Europa durante la scorsa estate.
Il giocatore, come è giusto che sia, divide: da un lato c’è chi lo considera potenzialmente uno degli europei più forti ad aver messo piede su un campo NBA, mentre dall’altro, i più scettici, pensano che il talento cresciuto nel Real faticherà e non poco ad adattarsi ad un campionato totalmente diverso da quello occidentale.

 

Luka Doncic, Rookie of the Year? (Credits by Kostas Lymperopoulos /NBAE/Getty Images

Resta il fatto che lui e Dennis Smith Jr. formano una delle coppie più interessanti dell’intera Lega. A fargli da chioccia ci sarà, per il ventunesimo anno consecutivo, Dirk Nowitzki che proprio in estate ha rinnovato per un’altra stagione, forse l’ultima.

L’altro grande colpo fatto in questa sessione di mercato però è l’arrivo, con tre anni di ritardo, di DeAndre Jordan che ha scelto il Texas per una nuova avventura, dopo aver salutato il sole e il caldo della California. Il centro potrà integrarsi al meglio con Nowitzki, formando un duo molto intrigante vicino al canestro, e darà un grande sostegno difensivo, portando la sua capacità da rim-protector alla corte di Carlisle.

 

Dirk e DeAndre finalmente insieme, muscoli e tecnica al servizio di Dallas.

Dove arriveranno questi Mavericks? Difficile dirlo. L’Ovest è diventato ancora più competitivo, ed i posti per i playoff sono sempre otto. Per Dallas si potrebbe delineare una stagione di transizione, dando il tempo necessario a Doncic per familiarizzare col nuovo campionato e migliorare l’intesa con Smith Jr.
L’obiettivo è l’ottavo posto, ma non è difficile trovare anche solo sette squadre più pronte per puntare alla fase finale. Molto più plausibile un piazzamento da nono/decimo posto, rimandando l’assalto ai playoff alla prossima stagione.

 

QUINTETTO: Doncic-Smith Jr-Barnes-Nowitzki-Jordan

 

Aspettando la nuova stagione dei Mavs, questo è il meglio di quella appena passata:

Claudio Rosa

21 anni, studente all'Università Cattolica del Sacro Cuore, aspirante giornalista ma giornalaio per passione, tifoso Lakers nel tempo libero ed amante occasionale dello stretch four.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *